martedì 1 marzo 2011

Ciao Marco

Oggi sono un po' melanconico e per forza devo dedicare un post al mio amico Marco.

Io e Marco non condividiamo solo il nome ma anche la grande passione per la pesca. Come me Marco si e' trasferito in Finlandia qualche anno fa in cerca di lavoro nel suo campo e come me (e come tanti altri) e' finito a lavorare in un ristorante come cameriere.
Ci siamo conosciuti la prima volta ad una partita di basket, grazie ad un amico comune, e dopo pochi minuti ci eravamo gia' messi d'accordo di fare qualche uscita a pesca insieme.

Grazie alla macchina della ragazza di Marco riuscimmo ad andare a pescare nei laghi che si trovano nelle foreste appena fuori dalla citta'. Ricordo ancora la prima uscita: al terzo lancio era gia' riuscito a perdere un'esca ma aveva tirato su il primo luccio della giornata prima di battere meta' lago. Una grande giornata, anche se poi la mappa si e' sciolta con la pioggia e siamo rimasti a girovagare tra paludi e zanzare fino a tarda ora.

Quando si e' sprovvisti di barca o di belly boat i laghetti nelle foreste sono il terreno migliore. Si macinano chilometri, si vedono posti fantastici e si prendono lucci anche se le taglie spesso non sono fenomenali.
Continuammo cosi' per tutta una stagione fino all'autunno quando Marco riusci' a fare qualche uscita in barca con un suo amico finlandese nel Baltico, provando per le prime volte il jerkbait con una canna che gli avevo prestato. Niente lucci da metro per quell'anno ma perca e persici abbastanza cattivi da buttarsi sui buster jerk.

Arriva la primavera 2010 e decido che e' arrivato il momento di comprare la barca. Lavoro extra e settimane di ferie buttate ma ce la faccio. Marco e' gentile e mi svergina la barca con il primo luccio sopra il metro. Con Marco e Andoni dividiamo bei momenti di vita e di pesca nell'arcipelago, compresa la disavventura di rompere l'elica e dover tornare in porto con mezzi di fortuna.

Nel frattempo inframmezziamo le uscite in barca con parecchie uscite in waders insieme ad Andoni. C'e' un grande spirito che ci accomuna ed ogni uscita e' divertimento, anche quando i lucci non cooperano. Ci si prende per i fondelli, si ride e si scherza, 3 persone accomunate dalla passione per uno sport che permette di vivere la natura a stretto contatto.
Io e Marco entriamo in acqua fino alla fine, quando la temperatura esterna e' ormai sotto lo 0 e quella dell'acqua ci si avvicina. Quando non ce la facciamo piu' si esce con la barca del suo amico finlandese, visto che il mio motore nel frattempo ha dato forfait. Neve vento e ghiaccio nelle baie non lo fermano e Marco infila il suo terzo pesce sopra il metro nel giro di qualche mese.
Oggi Marco parte per l'Italia con la macchina e un computer pieno di video di pesca da guardare durante la traghettata. La sua ragazza Nina e suo figlio Robin, nato da poco, lo raggiungeranno in aereo.
Torna in Italia per cercare di trovare un lavoro per cui ha studiato. Torna con tutte l'attrezzatura da pesca anche se nella sua regione non ci sono molte acque per il luccio, ma ormai ce l'ha nel sangue e sono sicuro che con la sua determinazione riuscira' a tirare fuori dei gran pesci anche dalle difficili acque italiane. Torna un pescatore con grande rispetto per il pesce e grande amore per il C&R.

Senza di lui le uscite a pesca non saranno piu' le stesse (e probabilmente comprero' meno esche).
Ciao Marco, in bocca al lupo per tutto! Ci vediamo presto!

5 comments:

Andoni Ortiz Ayestarán ha detto...

I´m really gonna miss his typical, Porco Dio!!!! Quite a sad day isn´t it Marco?

Milo ha detto...

It is indeed :(

Paul Mc Comy ha detto...

Massimo rispetto a questa bellissima amicizia!

Marco ha detto...

Ohioioi... Only now, almost a month later, I passed by Paperfish, what can I say guys, just leave some pike for the time I will come to visit you!
And Billions please remember that I´m the owner of the record fish of your boat! ;)
See you soon mates.

Milo ha detto...

Not for long. Not for long.

Dai che ti aspettiamo!

Posta un commento