lunedì 2 maggio 2011

Pesci dal mondo - Pesci con le mani

Pesci con mani e piedi?

La presa del lavoro si fa sempre piu' stretta come e' naturale essendo partita la stagione dell'acqua libera (non la chiamo primavera ancora) che porta con se nuovi impegni in vista della campagna di raccolta dati. Ormai sto passando piu' tempo in laboratorio che al computer ed e' difficile trovare tempo da ritagliare per scrivere qualche articolo decente. E quel poco tempo che mi resta lo uso per andare a pesca.

Ma siccome non voglio ancora accettare l'idea di mollare completamente il blog provo almeno a pubblicare qualcosa di interessante che richieda un po' meno documentazione e tempo del solito.

Oggi andiamo a vedere un sub-ordine di pesci piuttosto bizzarri.
All'interno dell'ordine dei Lofiformi troviamo diverse famiglie diffuse un po' in tutti i mari del mondo ed in quasi tutti gli ambienti: dalle fondali costieri agli abissi pelagici. La cosa che le accomuna (quasi) tutte e' la presenza di un'appendice sulla testa che usano come un'esca per attrarre le loro prede e forse la loro bruttezza.
Uno degli esponenti piu' noti di questo ordine e' la rana pescatrice (Lophius piscatorius) che e' regolarmente commerciato per le carni prelibate nei mercati italiani (spesso con la testa mozzata e con il nome di coda di rospo, per non offendere la vista delle massaie).



Ma ci sono alcune famiglie che presentano caratteristiche insolite. Una di queste e' la famiglia degli Antennariidae anche noti come pesci rana. Come si vede nel video all'inizio dell'articolo le loro pinne pettorali sono particolarmente sviluppate e si muovono letteralmente camminando sul fondo, piuttosto che nuotare.


Molto simili sono i Brachionichthyidae detti anche pesci con le mani. Una piccola famiglia, con solo 14 specie in 4 generi anche se si tratta della famiglia piu' ricca dei mari dell'Australia (e molti sono stati scoperti solo di recente).
In questi pesci l'adattamento e' ancora piu' spinto e le estremita' delle pinne pettorali sono irrobustite fino a dare la parvenza di dita, da cui il nome.



E' interessante notare che non esistono tracce fossili di queste due famiglie con l'unica eccezione di un esemplare trovato nei giacimenti veronesi di Bolca (Eocene) e attribuito (per ora) alla famiglia dei pesci con le mani. Evoluzione rapida?

2 comments:

Fabio ha detto...

Stringato ma interessante come sempre.

Milo ha detto...

Purtroppo ultimamente e' veramente dura trovare un po' di tempo per seguire il blog. E ho la sensazione che dovrei comunque utilizzare piu' tempo per andare avanti con il lavoro.. :(

Posta un commento